Comunicare social

Un posto dedicato al content & social media marketing, al marketing digitale e alla pubblicità online, ai fenomeni culturali social e alla comunicazione aziendale.

Ti auguro di fallire male se vuoi comprendere il social marketing
Comunicare social - il blog

Ti auguro di fallire male se vuoi comprendere il social marketing

Perché la gente non ci caga? Ce lo siamo mai chiesti?

Perché la gente non si caga i nostri nuovi e smaglianti progetti social?

Facile, semplicissimo: perché a nessuno interessa veramente quello che facciamo, lato social.

A nessuno.

Perché:

  • i nostri contenuti sono vuoti e retorici, cioè girano intorno a robe che non producono nulla di nuovo
  • le nostre idee sono scopiazzate dal web, fragili, già sentite
  • siamo ignoranti e ci crediamo star di Hollywood quando invece siamo solo brutte copie di noi stessi
  • pensiamo di vendere prodotti a palate sui social network in modo diretto e quindi siamo anche stupidi

I social sono un mezzo violento, violentissimo: o spacchi la forma cioè ti fai notare attraverso la costruzione di un progetto potente e costante oppure niente arriverà dal cielo come la pioggia.

E questo è il caso della stragrande maggioranza dei creatori di contenuti che scrivono, pubblicano e ringraziano mamma e zia per il like.

PS: il papà manco se li caga perché preferisce la serie A.

Tutti creatori di tutto

Che poi questi stramaledetti creatori di contenuti sono diventati praticamente il totale della platea social: siamo tutti noi.

Noi che:

  • pubblichiamo il nostro prodotto aziendale
  • postiamo le foto delle vacanze
  • postiamo meravigliosi gattini rossi
  • condividiamo frasi d’amore o battute sul mondo della politica o ricette di cucina

Ognuno di noi fa content marketing cioè fa marketing dei contenuti cioè crea video, immagini e puttanate varie nelle Stories di Instagram.

Nostro malgrado, tutti facciamo content marketing inconsapevolmente, anche se non siamo un’azienda…

Ma, in realtà, nessuno legge veramente e si informa veramente su quello che pubblicano gli altri sui social.

A chi interessa leggere veramente?

Siamo così presi da noi stessi e dalla nostra merda fresca che non abbiamo né voglia, né interesse di guardare e approfondire quello che fanno i nostri vicini digitali. Quello che hanno cagato nel rinale.

Una veloce scrollata alla bacheca ed il giochino finisce lì: tra una chiappa su Instagram e un geniale post di “Commenti Memorabili” sugli analfabeti funzionali.

Ma a nessuno frega un cazzo di leggere veramente: e per leggere intendo anche vedere video fino in fondo o ascoltare un podcast attentamente, per esempio.

A nessuno interessa nessuno.

Perché:

  • non siamo mai stati attraenti
  • diciamo cose dette e stradette
  • siamo noiosi e boriosi

Questo, fino a quando non iniziamo a fare content e social media marketing strutturato e legato indissolubilmente ad una strategia di marketing da sviluppare step by step. Un percorso che porta allo scopo, all’obiettivo finale…

Pagamenti creativi!

Oggi Facebook è un “Paid media”: o paghi o fanculo, in soldoni!

Nessuno si interesserà a te se non hai un progetto strategico dove sborsi qualcosa di soldi a Marchetto Zuck!

Facebook è diventato uno stra-potentissimo strumento per fare marketing di qualità: e quando dico marketing affermo sempre e comunque che si sta parlando di

“trovare un mercato per comunicare un prodotto e convertirlo in cash…”.

Il resto è filosofia. Bellissima filosofia a me cara ma ad un commerciante o ad una azienda non frega nulla.

Lo scopo di un’impresa, per quanto riduttivo e banale, è il denaro. Il profitto!

Perché:

  • deve pagare i dipendenti
  • deve pagare le tasse
  • deve pagare la merce
  • deve pagare la comunicazione
  • deve pagare…

Accettiamolo! Tutto il lavoro dei creativi non è per nulla capito nel mondo imprenditoriale se non porta riscontro economico.

Sborsa l’obolo o crepa!

Belle frasi e belle immagini non interessano più a nessuna azienda se non fanno parte di un giochino monetizzabile.

Le aziende non hanno interesse a sviluppare la loro immagine se non vendono.

Ed è normale ma non troppo! Ma è così…

Però se sei un’azienda che crea contenuti o un libero professionista o un coglione qualsiasi che pensa che i social servano per guadagnare subito, significa che non hai capito una mazza!

Tu sei un’azienda che vuole guadagnare con i social? Vuoi incrementare il tuo portafoglio? Sborsa il cash anche tu per il content marketing e la strategia digitale e inizierai a capirci qualcosa. Se vuoi guadagnare devi continuare a pagare.

Altrimenti l’alternativa incoerente è solo questa: fallire!

Che non è una cosa malvagia, secondo me.

Perché almeno chi ha la testa dura come il cemento e pensa che l’online sia una roba facile facile, prima o poi si ritroverà, fallimento dopo fallimento, in una condizione di massima urgenza e cercherà disperatamente di rimanere dentro il mercato digitale, se non sarà troppo tardi ovviamente.

Oppure fallirà definitivamente e andrà a raccogliere le ortiche.

Conclusioni

Auguro di fallire a chi deve fallire e auguro il miglior successo a chi invece vuole puntare in alto come un’aquila carnivora virtuale.

Scritto da davidegspoto - 15/11/2018